Nocciole delle Langhe per gli auguri al Papa

(di Ginetto Pellerino) Durante le recenti festività natalizie le mense del Santo Padre Benedetto XVI°  e del Segretario di Stato vaticano  Tarcisio Bertone si sono arricchite di un prodotto tipico della nostra terra, la nocciola tonda gentile.
A donare al papa e al cardinal Bertone un pacco contenente  nocciole tostate Piemonte igp,  torta di nocciole e  moscato passito è stata la Confraternita della nocciola tonda gentile di Cortemilia, presieduta dal gran maestro Luigi Paleari.
Con questo omaggio il sodalizio cortemiliese, molto attivo nella promozione e valorizzazione del frutto simbolo dell’Alta Langa, ha voluto mostrare la sua vicinanza a papa Ratzinger e al suo principale collaboratore e ringraziarli per la fondamentale missione che compiono nel ruolo di guide della Chiesa mondiale.
“E’ un omaggio che abbiamo fatto al papa e al cardinal Bertone – spiega Luigi Paleari -  a nome e in rappresentanza di tutti gli abitanti delle nostre colline  dell’Alta Langa, dure da lavorare ma generose nel dare frutti di gran pregio come la nocciola “tonda gentile”, la migliore del mondo. Alle nocciole tostate e alla nostra prelibata torta abbiamo aggiunto il moscato passito, un’altra “chicca” dell’enologia piemontese, e un piatto decorativo in ceramica rappresentante la “tonda””.
A inizio gennaio il Santo Padre ha inviato i suoi ringraziamenti scritti alla Confraternita.
“Non nascondo – aggiunge il gran maestro – che abbiamo provato tutti un po’ di emozione. Nelle sua lettera il papa ci dice di aver ricevuto con compiacimento i nostri doni, definiti “gentili espressioni augurali” e ci ringrazia per il “cortese atto di omaggio”. Inoltre ci invia la  Benedizione Apostolica da estendere a tutte le persone care. Un analogo ringraziamento  scritto ci è giunto alcuni giorni prima dal cardinale Bertone, piemontese di origini e grande estimatore dei prodotti della sua regione. Siamo felici che questo nostro omaggio, semplice ma di grande qualità, abbia riscosso apprezzamenti anche in Vaticano”.
Nel corso del 2011 la nocciola piemontese e il grande lavoro di promozione e valorizzazione che porta avanti la Confraternita di Cortemilia hanno riscosso anche altri importanti apprezzamenti. A giugno il capo dello Stato  Giorgio Napolitano ha voluto rendere merito ai paludati cortemiliesi con due medaglie celebrative della presidenza della Repubblica consegnate durante la consegna del premio Fautor Langae.
A ottobre, la Confraternita ha ricevuto i ringraziamenti ufficiali  del principe Alberto di Monaco, anch’egli molto onorato di aver ricevuto in dono, durante una cerimonia a Beausoleil, il piatto decorativo e i pregiati dolci alla nocciola di Cortemilia.

Cosa ne pensi?

*